17 Frasi con Liberati

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Liberati’

Guarda le frasi con ‘Liberati’ da condividere sui social o mandare alle tue persone care. Scopri tutte le citazioni e gli aforismi più belli e famosi.

[…] la grande libertà umana che, distruggendo tutte le catene dogmatiche, metafisiche, politiche e giuridiche, da cui tutto il mondo è oggi oppresso, restituirà a tutti, collettività quanto individui, la piena autonomia dei loro movimenti e del loro sviluppo, liberati per sempre da tutti gli ispettori, direttori e tutori. (Michail Bakunin)
Gli atei fanatici sono come schiavi che ancora sentono il peso delle catene dalle quali si sono liberati dopo una lunga lotta. Essi sono creature che – nel loro rancore contro le religioni tradizionali come oppio delle masse – non possono sentire la musica delle sfere. (Albert Einstein)
La vera terapia consiste nell’approccio al divino; più si raggiunge l’esperienza del divino, più si è liberati dalla maledizione della patologia. (Carl Gustav Jung)
Non esiste in natura un punto di stabilità: tutto cresce o tutto diminuisce. Quando le guerre sono finite all’estero, la ribellione comincia in casa propria, e quando gli uomini sono liberati dalla lotta per necessità, cominciano a litigare per ambizione. (Walter Scott)
Hanno istituito la giornata della memoria il 27 gennaio. Molti non sono d’accordo con questa data e nemmeno io, perché il 27 sono stati liberati Auschwitz e Birkenau, ma secondo me dovevano ricordare l’ultimo giorno in cui hanno liberato l’ultimo campo e tutta l’Europa. Sarebbe stato più logico. (Shlomo Venezia)
L’abbandono in cui il Crocifisso è lasciato dal Padre ben ci fa capire da che cosa siamo stati liberati e salvati, cioè dalla perdita definitiva di Dio, che nessuno sforzo personale, all’infuori della grazia, avrebbe mai potuto evitarci. (Hans Urs von Balthasar)
Molti americani si stanno godendo la libertà dell’indipendenza, liberati dalle catene del benessere. (Bill Archer)
T’arridduci a desiderare la morti perché è un vuoto assoluto, un niente, liberati dalla dannazione, dalla persecuzione della memoria. (Andrea Camilleri)
L’unico vero ostacolo al tuo successo sei tu: liberati da te stessa. Perditi, Nina. (Vincent Cassel)
Grande folla in Brasile attorno al Papa: sei morti. Sei poveri liberati dalla propria miseria… Sia grazie a Dio! (Coluche)
Lassù si erano liberati dal desiderio di felicità e perfino dalla speranza, perciò vivevano in pace e tranquilli, avevano cioè trovato la felicità. Ma loro non lo sapevano e campavano così. (Mauro Corona)
Tu controlli questo mondo. Liberati dalla sofferenza. Liberati dal dolore. E dal senso di colpa. Quello che ora stai immaginando, quel mondo che tu controlli, quel posto può essere reale quanto il dolore. (Carla Gugino)
Nelle folle, l’imbecille, l’ignorante e l’invidioso sono liberati dal sentimento della loro nullità e impotenza, che è sostituita dalla nozione di una forza brutale, passeggera, ma immensa. (Gustave Le Bon)
In ogni momento applicati con ogni cura… a sbrigare la faccenda che hai per le mani… e liberati da tutte le altre preoccupazioni. E te ne libererai, se compirai ogni azione della tua vita come se fosse l’ultima. (Marco Aurelio)
Gli uomini, per essere liberi, è necessario prima di tutto che siano liberati dall’incubo del bisogno. (Sandro Pertini)
Il grande rinnovamento del mondo consisterà forse in questo, che l’uomo e la donna, liberati da tutti i falsi sentimenti e riluttanze, si cercheranno l’un l’altro non come opposti, ma come fratelli e sorelle, come vicini, e giungeranno a stare insieme come esseri umani. (Rainer Maria Rilke)
I romanzi finiscono col matrimonio dell’eroe con l’eroina. Bisognerebbe invece cominciare da questo, e finire che si sono separati, cioè liberati l’uno dell’altro. (Lev Tolstoj)