18 Frasi con Gerarchia

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Gerarchia’

Guarda le più belle e famose frasi con ‘Gerarchia’ che possono essere utilizzate anche per lo stato Whatsapp o Facebook. Eccole!

In una gerarchia ogni membro tende a raggiungere il proprio livello di incompetenza.[Principio di Peter] (Arthur Bloch)
Alla gerarchia delle amicizie corrisponde una gerarchia dei segreti. Ma per comunicare l’incomunicabile bisogna essere una cosa sola. (Ernst Jünger)
Nella gerarchia dei sentimenti è il sentimento supremo. (Milan Kundera)
Nell’insieme, quando si introduce un nuovo termine, muta la gerarchia di ciò che resta. Allo stesso modo, nel sistema spontaneo di valutazioni che l’uomo nuovo porta con sé, di cui è parte integrante, è apparso un nuovo valore – il vitale -, che per la semplice presenza deprime tutto il resto. (José Ortega y Gasset)
Come è assurda la gerarchia fra gl’individui, lo è fra i Comuni. Ogni Comune non può essere che una libera associazione d’individui e la Nazione una libera associazione dei Comuni. (Carlo Pisacane)
In qualsiasi gerarchia, ognuno tende a essere promosso, finché non raggiunge il suo livello di incompetenza; pertanto, ogni incarico è destinato a finire nelle mani di un incapace. (Pino Aprile)
Ubbidire alla gerarchia cattolica significa quasi sempre disobbedire alle esigenze più profonde, vere ed evangeliche del popolo. (Corrado Augias)
Bisogna cominciare con il dare l’esempio e fare attenzione alle parole che si usano. Le parole sono pericolose. Certe vengono usate per ferire e umiliare, per alimentare la diffidenza e persino l’odio. Di altre viene distorto profondamente il significato per sostenere intenzioni di gerarchia e di discriminazione. (Tahar ben Jelloun)
Natale è un momento così esasperato che la scala delle emozioni sembra avere una gerarchia diversa. Come se tutti, in quel periodo, impazzissero un po’. (Luca Bianchini)
Laddove si riconosca una gerarchia di valori oggettivi, il capriccio non è pericoloso. Qualsiasi cosa può legittimamente affascinarci se non ne alteriamo il rango. Quando invece supponiamo che sia il gusto a regolare il valore, la più lieve disattenzione scatena catastrofi. Le stupidaggini sono temibili quando si autoproclamano atti di ragione. (Nicolás Gómez Dávila)
Viviamo nel paese dei ‘puttanieri moralisti’ … ritengo francamente insopportabile che ci sia una gerarchia vaticana che pretende di imporre, magari anche per legge, uno stile di vita (il familiarismo tradizionalista) che per primi non praticano. (Franco Grillini)
Discepolato è il contrario di gerarchia: gerarchia significa «potere sacro», discepolato significa servizio privo di ogni alone di sacralità. (Hans Kung)
È sempre più agevole non pensare con la propria testa. Trovare una piccola, sicura gerarchia, e accomodarsi all’interno di essa. Non cambiare nulla, non rischiare la disapprovazione, non mettere in agitazione i colleghi. È sempre più facile lasciarsi governare. (Ursula Kroeber Le Guin)
Mourinho – pur tenendo nitida la gerarchia dei ruoli – riesce ad amalgamarsi alla truppa. (Sandro Modeo)
La morale ha preservato dal nichilismo i falliti, conferendo a tutti un valore infinito, un valore metafisico, e inserendo tutti in un ordinamento che non concorda con quello della potenza e gerarchia terrena. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)
In una gerarchia, ogni membro tende a raggiungere il proprio livello di incompetenza. Col tempo, ogni posizione tende a essere occupata da un membro che è incompetente a svolgere quel lavoro. Il lavoro viene svolto da quei membri che non hanno ancora raggiunto il proprio livello di incompetenza. (Laurence Johnston Peter)
L’etica hacker rischia di esprimere esigenze che nascono da una insofferenza verso qualunque forma di gerarchia, perché intesa come necessariamente opposta alla ricerca e al confronto. C’è un rifiuto del ‘padre’ a favore di rapporti orizzontali, collaborativi, paritetici. (Antonio Spadaro)
Aveva perfettamente assimilato i principi di quella gerarchia non scritta che tanto gli era piaciuta a Olmütz e in base alla quale un alfiere può stare, senza possibilità di confronto, più in alto di un generale. (Lev Tolstoj)