21 Frasi con Cellulare

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Cellulare’

Leggi qui di seguito le più belle e famose frasi con ‘Cellulare’ che tu possa trovare.

[Sul reality La fattoria] Che meraviglia! In quel periodo avevo le banche addosso, il cellulare squillava di continuo, non ne potevo più, andare lì è stata un’enorme botta di culo, sono rinato, nessuno poteva rompermi le palle, felicissimo! Gli altri concorrenti si lamentavano, io in vacanza, per questo ho vinto. (Marco Baldini)
Ho scritto molti articoli e alcuni libri sulla Rete. Nel 2004 Beppe Grillo ne lesse uno: Il Web è morto, viva il Web, rintracciò il mio cellulare e mi chiamò. Lo incontrai alla fine di un suo spettacolo a Livorno e condividemmo gran parte delle idee. (Gianroberto Casaleggio)
Il mio rap è come un cellulare, invia messaggi | Faccio più rime che i cinesi i massaggi | Metti le cuffie, vedrai come viaggi | Il rap al cervello fa gli idromassaggi. (Fabri Fibra)
Il paradosso agricolo cellulare parla di un contadino che zappa la terra mentre il suo telefonino non prende, il contadino si chiede: ma se qui non c’è campo, io che c. sto zappando? (Rosario Fiorello)
Mi è capitato in una strada buia, di prendere il cellulare dalla borsa e fingere: Sì, sto arrivando. Ci si sente sempre un po’ prede, vittime potenziali, per il solo fatto di essere donne. (Miriam Leone)
Il telefono cellulare è l’unica cosa che gli uomini sono fieri d’avere piccolo. (Luciana Littizzetto)
Viviamo in un’epoca di confusione: proviamo a dire a Previti Poi ti chiamo sul cellulare, quello sbianca. (Enrico Montesano)
Ascoltare musica con il cellulare è paragonabile ad una bestemmia. (Giuliano Palma)
Il telefono cellulare, o telefonino. La più grande invenzione dell’umanità dopo la ruota. Una scoperta che ha rivoluzionato il mondo. Il mondo senza pareti, senza muri, senza segreti. L’incomunicabilità che va a farsi fottere. Fine della privacy. Sappiamo tutto di tutti. (Dino Risi)
Senza energia la vita si si spegnerebbe istantaneamente e il tessuto cellulare collasserebbe. (Albert Szent-Gyorgyi)
Mi chiedo spesso se tutti quelli che usano il cellulare siano in effetti dei brillanti schizofrenici che hanno trovato un modo elegante e socialmente accettabile di parlare da soli. (Arunava Banerjee)
Un manager con il cellulare entrò in una cabina telefonica e pianse di nostalgia. (Federico Bini)
Per noi ricchi la globalizzazione è qualcosa di buono per via di internet, il cellulare, il computer. Peccato che ciò non riguardi circa il 75% della popolazione mondiale. (Jimmy Carter)
In spiaggia è più facile ostentare il cellulare che nascondere la cellulite! (Eros Drusiani)
Non ho fiducia nelle email, uso raramente il cellulare e non ho un fax. (Seth Green)
Sono il tipo di persona capace di dire al marito che non se la sente più di stare con lui, ma non pensavo davvero di essere capace di dire questa cosa da un cellulare, da un parcheggio. (Nick Hornby)
Quando chiami per sbaglio una persona sul cellulare è l’inconscio che ti ha fatto agire in quel modo perché è la persona con la quale volevi parlare veramente. (Matteo Mainetti)
Sarà anche vero che In amore vince chi fugge, però è altrettanto vero che solo uno dei due deve fuggire, se l’altro non insegue o, peggio ancora, fugge anche lui, allora si potrà aspettare uno squillo di cellulare o l’arrivo di un sms per tutta la vita. (Andrea Mucciolo)
Con il mio cellulare sono un tipo vecchio stampo. Mi piace il contatto umano e credo che sia importante. (Giovanni Ribisi)
La guarigione è un processo biologico, non un’arte. E’ dovuta in gran parte alle funzioni proprie dell’organismo vivente come respirazione, digestione, circolazione, escrezione, proliferazione cellulare, o attività nervosa. Si tratta di un processo incessante, costante, come la rotazione della terra sul suo asse. (Herbert Macgolfin Shelton)
L’invenzione del cellulare sembrava fatta apposta per favorire la gente agitata come mia madre: che non potendo essere in dieci posti contemporaneamente suppliva con quel grillo incollato all’orecchio e poteva così stare in diretta con i dieci posti, ugualmente. (Guido Sperandio)