21 Frasi con Confidare

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Confidare’

Ecco un elenco delle migliori frasi con ‘Confidare’ da scrivere sotto i post di Instagram e Facebook e condividere con i nostri amici. Leggi di più

Colui che fa qualcosa di nascosto contro i patti stipulati reciprocamente circa il non recare ne ricevere danno non può confidare di non essere scoperto, anche se per il presente ciò gli riesce infinite volte: non può mai sapere se riuscirà a non farsi scoprire fino alla sua morte. (Epicuro)
Duecento anni fa era lecito confidare nel futuro senza essere completamente stupidi. Ma oggi chi può dar credito alle attuali profezie, dato che siamo noi lo splendido avvenire di ieri? (Nicolás Gómez Dávila)
I doveri dell’amicizia ammettono una sola eccezione: quella di non confidare all’amico i propri difetti, che, se fosse possibile, non dovrebbero essere confidati neppure a se stessi. (Baltasar Gracián)
Vorrei essere più aperta con il pubblico e confidare ad esso i miei segreti, ma voglio continuare ad essere libera. (Angelina Jolie)
Il circo è come una madre con cui ci si può confidare, e che ti premia e ti punisce. (Burt Lancaster)
Uno dei benefici dell’amicizia è di sapere a chi confidare un segreto. (Alessandro Manzoni)
Il metodo della scienza è razionale: è il migliore che abbiamo. Perciò è razionale accettare i suoi risultati; ma non nel senso di confidare ciecamente in essi: non sappiamo mai in anticipo dove potremmo essere piantati in asso. (Karl Popper)
Paura e autocensura sono errori: un artista deve confidare nella decenza e nell’intelligenza del pubblico. (Steven Spielberg)
Un soldato deve confidare sulla sua spada e sul suo coraggio, non perdere tempo ad adornarsi di oro e argento. [] Un soldato deve adornarsi del suo valore. (Tito Livio)
A queste creature necessita l’assenza dell’uomo, non l’aiuto per sopravvivere. Se solo riusciremo a farci da parte, a confidare nella natura, allora la vita troverà il modo. (Sir Richard Attenborough)
Una delle più incomprensibili disgrazie dell’uomo è che egli debba confidare ciò che ha di più prezioso a qualcosa di così instabile, di così plastico, ahimè, come la parola. (Georges Bernanos)
È insensato continuare a confidare nel mito di una crescita illimitata, misurata in base a quel dio-feticcio che è il prodotto nazionale lordo: una crescita che oltretutto provoca (in termini di rifiuti, desertificazione, inquinamento, consumo del territorio eccetera) ingenti costi sociali… (Antonio Cederna)
Sedere soli la notte e offrire alla luna di raccontarle i nostri dolori; dormire soli la notte e invocare i grilli a confidare i nostri rimpianti. (Chang Ch’ao)
Non confidare mai a un’innamorata un’infedeltà… Sebbene a una donna non piaccia essere ingannata, le piace ancora meno non essere ingannata affatto. (Ninon de l’Enclos)
– Barbossa: Devo ammetterlo Jack, credevo di conoscerti, ma ora scopro che sei tutto meno che prevedibile!- Jack: Io sono un disonesto, e un disonesto puoi sempre confidare che sia disonesto, onestamente, è dagli onesti che devi guardarti perché non puoi (Johnny Depp)
Il vero amore è devozione cieca, è umiliarsi senza fare domande, è sottomettersi completamente, è avere fiducia e confidare a dispetto di te stesso e a dispetto del mondo intero, concedendo tutto il tuo cuore e tutta la tua anima al tuo tormentatore. (Charles Dickens)
Dobbiamo in effetti confidare nella perfezione della creazione, così come credere che qualsiasi curiosità l’ordine delle cose abbia suscitato nelle nostre menti, l’ordine delle cose può soddisfare. (Ralph Waldo Emerson)
Non confidare nei soldi: non sono la realtà. (Ray Liotta)
La fiducia rimanda all’idea che ci si può fidare di qualcuno o di qualcosa. Il verbo confidare significa affidare qualche cosa di prezioso a qualcuno, abbandonandosi alla sua benevolenza. (Maria Michela Marzano)
Quanto maggiore è la prosperità, tanto meno si deve confidare in essa. (Lucio Anneo Seneca)
Di solito i blogger sono apprendisti-mancati-pretesi letterati che si dannano a cercare stima e fama in Internet. O signore e signorine che approfittano della copertura di un nickname, per sfogare umori e ardori, esibire dolciastre poesie o confidare i propri amori (di regola infelici). (Guido Sperandio)