31 Frasi con Lenti

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Lenti’

In questa repertorio abbiamo scelto le frasi con ‘Lenti’ più famose e belle che siano mai state scritte da grandi poeti, scrittori e personaggi storici.

L’America è un corpo grande e goffo. Il suo progresso deve essere lento. Come una carrozza con un tiro a sei: i cavalli più veloci devono venire trattenuti e i più lenti pungolati, in modo che tutti possano tenere un passo uguale. (John Quincy Adams)
Volavano lenti, salendo e scendendo nel cielo, come se volessero cancellarlo, meticolosamente, con le loro ali. (Alessandro Baricco)
Erano i silenzi più lenti e maledettamente intensi che il vecchio Alex avesse mai ascoltato. (Enrico Brizzi)
Vi era una sorta di aristocrazia intellettuale che disdegnava il teatro perché contaminazione di generi. Del resto in Italia siamo lenti, la prima opera di Cechov è arrivata nel ’24. Gli altri paesi avevano capito prima di noi che il teatro era fusione di cultura e letteratura. (Andrea Camilleri)
Don Paolo Forti faceva risonare nella cappella il brontolio degli Oremus e dei Dominus vobiscum, alzando o aprendo le braccia con lenti gesti, quasi a mostrare l’importanza attribuita a quella messa ch’egli veniva a dire ogni domenica nell’altare privilegiato in casa del marchese di Santacroce. (Luigi Capuana)
L’impronta di una testa sul cuscinoI passi lenti e incerti di un bambinoLo sguardo di serenitàLa mano che si tenderàLa gioia di chi aspetteràPer questo e quello che verrà (Riccardo Cocciante)
Non più ottico ma spacciatore di lenti | per improvvisare occhi contenti, | perché le pupille abituate a copiare | inventino i mondi sui quali guardare. (Fabrizio De André)
Fiumi di parole, torrenti di eventi che lenti insidiano le menti delle genti, rendendole impotenti, sterili e incoscienti come salici piangenti in mezzo al turbine dei venti. (Frankie hi-nrg mc)
Il mondo era tutto davanti a loro, per scegliere | il loro posto o riposarvi, e la Provvidenza la loro guida. | Tenendosi per mano, con passi erranti e lenti | attraverso l’Eden presero la loro via solitaria. (John Milton)
Quel ritenuto lusinghier sorriso, | Quei lenti sguardi, quel parlar soave, | Quel dolce non so che di paradiso; | Ecco l’arme fatali, ecco la chiave | Che il sen m’aperse, e al giogo di costei | Trasse le voglie mie legate e schiave. (Vincenzo Monti)
L’ozio rende lente le ore e veloci gli anni. L’operosità rapide le ore e lenti gli anni. [10 dicembre 1938] (Cesare Pavese)
Non importase vi siano da colmarespazi senza fine golfi di tempoe lenti rosari di ore:io sono la tua vicina di casaNon senti il mio passonella stanza accanto? (Lalla Romano)
Ma er Papa a ggenio suo pò llegà e ssciojeTutti li nodi lenti e cquelli stretti,Ce pò scommunicà, ffà benedetti,E ddacce a ttutti indove cojje cojje.E inortr’a cquesto che llui sscioje e llega,Porta du’ chiave pe ddacce l’avvisoChe cqua lui opre [apre] e llui serra bottega. (Giuseppe Gioachino Belli)
Alcuni cambiamenti sono così lenti che non te ne accorgi, altri sono così veloci che non si accorgono di te. (Ashleigh Brilliant)
Egli era avanzato per la spensierata età della prima giovinezza, una strada che da bambini sembra infinita, dove gli anni scorrono lenti e con passo lieve, così che nessuno nota la loro partenza. (Dino Buzzati)
Cosa diavolo ha la mia generazione? Perché siamo così lenti a crescere? Sembra che la nostra infanzia tenda a prolungarsi fino a venticinque anni. A quaranta siamo ancora degli adolescenti. (Jonathan Coe)
La vecchiaia vive lenti minuti e veloci ore; la giovinezza mastica le ore e ingoia i minuti. (Malcolm de Chazal)
Ognuno ha i suoi occhiali, ma nessuno sa mai troppo bene di che colore siano le lenti dei propri. (Alfred de Musset)
La miopia viene corretta portando lenti divergenti, la presbiopia portando lenti convergenti e la ciclopia portando un monocolo. (Pierre Desproges)
Napoli, da questo strano cuore d’Italia che patisce, se lo si considera bene, di tutti i mali cardiaci, dell’aritmia, dell’iperestasia, dei ribollimenti subitanei e delle lunghe paci silenziose, da’ battiti lenti, quasi malati. (Salvatore Di Giacomo)
I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi. Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti. L’insieme dei due costituisce una forza incalcolabile. (Albert Einstein)
La vita è una sequenza di stati d’animo come una collana di perle; e mentre le passiamo ad una ad una esse si rivelano essere tante lenti colorate, che dipingono il mondo con le loro sfumature, e ciascuna ci mostra cosa si trova nel suo stesso centro. (Ralph Waldo Emerson)
Se confrontiamo i rapidi progressi di questa scoperta maligna [la polvere da sparo] con i progressi lenti e laboriosi della ragione, della scienza e delle arti della pace, un filosofo, secondo il suo temperamento, potrà ridere o piangere per la follia del genere umano. (Edward Gibbon)
Conosci bene le emozioni. Intense e brevi, increspano la superficie e poi esplodono, lasciando un vuoto che va riempito con dosi di adrenalina sempre più forti. Conosci un po’ meno bene i sentimenti. Lenti e noiosi, talvolta. Esposti ai venti della vita. Eppure capaci di durare. (Massimo Gramellini)
La filosofia è violentemente complicata ed i suoi metodi lenti fino alla depressione. (Max Horkheimer)
In un’epoca come la nostra, così fondata sulla velocità della comunicazione, i romanzi lenti come quelli tanto amati di Proust o di Musil hanno ceduto il passo a un ritmo diverso. (Raffaele La Capria)
Ci sono pomeriggi lenti e pomeriggi normali e pomeriggi come questo, così veloci che quasi non sembrano essere accaduti. (Penelope Lively)
Gli alberi che sono lenti a crescere portano i frutti migliori. (Molière)
Litio o anfetamina? No, perché per me la gente si divide in due categorie ben precise. Quelli litio, che sono quelli lenti, mosci, noiosi e prevedibili. E poi quelli anfetamina, che invece ti sanno far volare, ti sorprendono sempre e che poi ti portano via. (Silvio Muccino)
La competenza, come la verità, la bellezza e le lenti a contatto, è negli occhi dell’osservatore. (Laurence Johnston Peter)
Si sa che i creativi sono i più lenti ad adattarsi alle nuove tecnologie. (Robert Rodriguez)