35 Frasi con Lieve

Aforismi, citazioni e frasi con ‘Lieve’

Qui di potete trovare una ricca raccolta delle più belle frasi con ‘Lieve’ che puoi scoprire su internet. Continua a leggere e scegli quella che ti soddisfa!

Non era via da vestito di cappa, ché noi a pena, ei lieve e io sospinto, potavam sù montar di chiappa in chiappa. (Dante Alighieri)
Ogni tanto, nelle giornate di vento, scendeva fino al lago e passava ore e guardarlo, giacché, disegnato sull’acqua, gli pareva di vedere l’inspiegabile spettacolo, lieve, che era stata la sua vita. (Alessandro Baricco)
Ho una sensazione lieve, ma non riesco ad esprimerla. Sono come uno incapace di usare la moneta d’oro in suo possesso. (Paul Cézanne)
Di lieve cosa nascesi gran ruina. (Leonardo da Vinci)
I sudori freddi, che si accompagnano a febbre alta, sono un segno mortale; con febbre più lieve, indicano malattia protratta. (Ippocrate di Coo)
Le argomentazioni contro l’insania sfumano con un fruscio lieve d’increspatura; questi sono i suoni di voci morte su dischi morti che fluttuano nel canale guasto della memoria. Quando mi giro a chiederti se ricordi, quando mi giro verso di te nel nostro letto. (Stephen King)
Ogni più lieve immagine | Nel cor le versa il foco. | Ed un desire incognito | La morde intanto e preme: | Vorria confuso intenderlo, | E intenderlo pur teme. (p. 34) (Vincenzo Monti)
La linea fragile delle sue labbra era agitata da un lieve tremito che sembrava in accordo col battito del suo cuore e le vibrazioni della sua anima. (Haruki Murakami)
Diventa lieve il peso che si porta con rassegnazione. (Publio Ovidio Nasone)
Non so odiarti: così lieve | il mio cuore d’uragano. (Dormono selve) (Salvatore Quasimodo)
Conceda Dio a tutti noi, a noi bevitori, una morte così lieve e bella![da La leggenda del santo bevitore] (Joseph Roth)
Giacerai morta, e memore | Niun di te sarà mai, | Chè le rose di Pierïa | Tu non cogliesti mai, | E ignota avrai tu d’Aïde | Nelle case soggiorno: | Niun fia, che lieve guarditi | Volante ai morti intorno. (Saffo)
Lieve è il dolore che permette di prendere una decisione. (Lucio Anneo Seneca)
Finii di leggere e ripiegai con cura la lettera. Avvertii con una fitta al cuore una lieve traccia di profumo di Eriko. Anche questo profumo, pensai, col tempo finirà per svanire, e aprire questa lettera non servirà più a ritrovarlo. È la cosa più crudele. (Banana Yoshimoto)
L’incarco de le corna è lo più lieve ch’al mondo sia, se ben l’uomo tanto infama: lo vede quasi tutta l’altra gente; e chi l’ha in capo, mai non se lo sente. (Ludovico Ariosto)
A guardarlo questo vago latte delle nebulose che dolcezza! Così vago che ti stempra, così lieve che non hai più corpo. (Giovanni Boine)
Egli era avanzato per la spensierata età della prima giovinezza, una strada che da bambini sembra infinita, dove gli anni scorrono lenti e con passo lieve, così che nessuno nota la loro partenza. (Dino Buzzati)
A volte le decisioni più pesanti viaggiano sul filo lieve di uno sbuffo di vento. E noi con loro, inadeguati, leggeri. (Giuseppe Catozzella)
Laddove si riconosca una gerarchia di valori oggettivi, il capriccio non è pericoloso. Qualsiasi cosa può legittimamente affascinarci se non ne alteriamo il rango. Quando invece supponiamo che sia il gusto a regolare il valore, la più lieve disattenzione scatena catastrofi. Le stupidaggini sono temibili quando si autoproclamano atti di ragione. (Nicolás Gómez Dávila)
L’amicizia dura quando ciascuno dei due amici pensa di avere una lieve superiorità sull’altro. (Honoré de Balzac)
Il coito è un lieve attacco di apoplessia. (Democrito)
Il tocco della tua mano che passa, così lieve, così rapido che nessun altro sospetta quanto possa essere rassicurante – quel tocco mi è di sostegno nei giorni più duri. (Marion C. Garretty)
Così familiare, come se fosse così naturale per l’uomo, è la pratica della violenza, che la nostra tendenza a indulgere considera la più lieve provocazione, il diritto più discutibile, come ragione sufficiente per la nostra ostilità nazionale. (Edward Gibbon)
Si abbandonava senza vergogna al lieve narcisismo che le annebbiava la mente quando cantava così, ebbra di piacere per quello slancio travolgente che trasportava la sua voce dall’intimità più profonda ad altezze vertiginose. (David Grossman)
Gli spari intorno a noi,ci impediscono di udire,ma la voce umana è diversa,dagli altri suoni,e se può essere uditaal di sopra dei rumori che seppelliscono tutto il resto;perfino quando non grida,perfino se è solo un bisbiglio,perfino il più lieve bisbiglio può essere udito al di sopra degli eserciti,quando dice la verità. (Nicole Kidman)
Tra l’uomo innamorato e la donna innamorata corre questa non lieve differenza: che quello le sciocchezze le commette, questa si limita a dirle. (Mario Mariani)
Non sempre sappiamo valutare le nostre forze, il danno che facciamo con la lingua ci sembra più lieve di quello che potremmo arrecare con le mani, e non è così. (Javier Marías)
Che cosa si può, che cosa si deve fare di tutto il tempo che ci sta davanti, aperto e informe, lieve come una piuma nella sua libertà e pesante come il piombo nella sua incertezza? (Pascal Mercier)
Lieve è l’oprar se in molti è condiviso. (Omero)
Ahi sorte umana, crediam d’esser molto e siam nulla;né più che un lieve soffio è l’esistenza.In preda all’Orco, questo sarà di noi tutti l’aspetto:dunque viviamo, finché si può godere. (Petronio Arbitro)
Rende la colpa più lieve chi velocemente vi pone rimedio. (Publilio Siro)
Una cena breve o una cena lieve di rado si fa molesta; copiosa nuoce. La medicina lo insegna; la cosa è manifesta. (Giacomo Puccini)
A volte, un piccolo lieve trascurabile rumore, per chi sappia ascoltare, può valere più della visione di mille e mille immagini. (Guido Sperandio)
La sinistra è una idea di comunità, che conquista opportunità e combatte per la giustizia sociale. Altrimenti non è sinistra. La sinistra è una idea di politica ambiziosa e lieve e di società civile forte, responsabile e organizzata. Altrimenti non è sinistra. (Walter Veltroni)
La vita è così bella, lieve e breve, ma la sua rappresentazione è sempre brutta, pesante e lunga. (Lev Tolstoj)